Home / Tatuaggi / Genitori Si Tatuano La Voglia Della Figlia Per Non Farla Sentire Diversa

Genitori Si Tatuano La Voglia Della Figlia Per Non Farla Sentire Diversa

rea-phillips-tattoo-1

 

Dove arriva l’amore per i figli?

La piccola Rea Phillips ha 18 mese ed è nata con una voglia che le copriva gran parte della gamba destra. Pian piano che cresceva, anche questa voglia cresceva con lei fino a ricoprirle quasi tutta la gamba ed il piede.

I genitori proccupati per come poteva essere trattata dai suoi coetanei, hanno deciso di compiere un gesto, che per molti potrebbe essere insensato…

Tatuarsi sulle gambe delel grandi macchie rosse come le sue per non farla sentire “sola” e “diversa”.

E’ questo il gesto d’amore di Tanya e Adams Phillips che sta emozionando l’Inghilterra.

 

“Per molte persone quello che abbiamo fatto è ‘estremo’ – ha dichiarato la coppia – ma per noi è stata la cosa più naturale da fare, per assicurarci che nostra figlia non si senta mai ‘divers’ o sola al mondo”.

 

Tanya e Adams Phillips

 

“So che la sua voglia non è pericolosa per la sua salute – dice la mamma della bimba, Tanya – Ma so anche che potrà avere un forte impatto sul resto della sua vita. E ho fatto quello che avrebbe fatto ogni mamma affinché non si senta mai diversa”. “Abbiamo preso questa decisione quando ci siamo accorti che alcune persone fissavano la gambetta di nostra figlia e bisbigliavano” ha detto Adam, il papà

 

Tanya e Adams Phillips

 

Il primo a farsi il tatuaggio è stato il papà Adams Phillips come “regalo di Natale” per la moglie.
Quest’ultima, Tanya Phillips si è fatto il suo quando ha compiuto 40 anni.

 

Tanya e Adams Phillips

 

Biografia Riccardo

Appassionato di Piercing e Tatuaggi da sempre.

Vedi Anche

Tatuaggio Pappagallo

Tatuaggio Pappagallo: ecco il vero significato, guida completa

Il più delle volte nel periodo estivo capita in spiaggia di vedere tatuaggi di pappagalli …

3 commenti

  1. Genitori da ammirare!

  2. Che bella storia, genitori da ammirare!

  3. Se avessi una figlia/figlio farei la stessa cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *